Natale in Polonia

Natale, Christmas, Boże Narodzenie … A seconda della nazionalità, della fede e della cultura, celebriamo questo periodo in modo diverso, ma ognuno di noi attende con impazienza questi pochi giorni magici dell’anno. Siete pronti a scoprire come si celebra il Natale in Polonia?

Il Natale in Polonia ha una lunga tradizione ed è il periodo più bello dell’anno. È un momento di gioia, amore e incontri con persone vicine ai nostri cuori. Si ritrovano tutti allo stesso tavolo, dimenticando i vecchi rimpianti e scambiandosi bellissimi auguri per l’anno successivo. La neve e il gelo a Natale non infastidiscono nessuno, al contrario: tutti sognano di poter vedere i fiocchi di neve che cadono dal cielo.

Vigilia di Natale

La vigilia di Natale è la notte più solenne dell’anno e le preparazioni iniziano molto prima della cena. Tutti puliscono le case, preparano piatti tradizionali e addobbi natalizi: tutto ciò che è necessario per fare questa serata speciale. Non può assolutamente mancare la folle corsa ai regali!

Secondo la tradizione, ci si può sedere al tavolo solo dopo il tramonto, quando la prima stella appare nel cielo. È il simbolo della Stella di Betlemme che ha portato i pastori e i Re Magi al luogo di nascita di Gesù.

Prima di iniziare la cena, tutti pregano insieme e poi condividono l’Oplatek e si augurano Buone Feste. Nella tradizione polacca, l’Oplatek è un simbolo di riconciliazione e perdono, perciò le persone che sono in conflitto tra loro non possono sedersi insieme a tavola durante la Vigilia di Natale, prima di questo rito.

Opłatek è una cialda bianca, simile ad un ostia, con raffigurazioni della Natività preparata in occasione delle celebrazioni natalizie. Prima viene benedetta e successivamente distribuita durante la cena della Vigilia.

Un’altra cosa particolare che si può trovare a tavola durante la vigilia è il “posto libero“, ovvero un posto in più a tavola apparecchiato, ma senza commensale, in ricordo di tutte le persone che passano le feste natalizie in solitudine. Significa anche che siamo pronti ad invitare chiunque bussi alla nostra porta durante la serata. Sotto la tovaglia con cui è coperto il tavolo, si mette Sianko – il fieno che simboleggia il presepe di Betlemme dove nacque Gesù.

Di solito dopo la cena, arriva il momento dei regali, che Babbo Natale aveva precedentemente nascosto ai bambini. Chi, però, non lo merita, riceve solamente una rózga, cioè una “bacchetta” di legno. Ovviamente tutti ci comportiamo bene durante l’anno e per questo trovare una rózga per noi sotto l’albero è quasi impossibile. 😉

La Vigilia finisce con la Pasterka, cioè tutta la famiglia (con le pance piene) va alla messa cerimoniale che si tiene a mezzanotte.

Cosa si mangia durante la Vigilia di Natale?

Tradizionalmente, a tavola durante la Vigilia di Natale dovrebbero esserci dodici piatti diversi, che simboleggiano gli apostoli. I piatti serviti durante la Vigilia di Natale sono speciali perché vengono preparati solo durante le feste: alcuni possono variare a seconda della regione, ma la maggior parte di essi sono uguali in tutte le case.

Due dei piatti tradizionalmente consumati sono il Barszcz czerwony z uszkami – zuppa di barbabietola con tortellini polacchi e il Barszcz z grzybami – zuppa di funghi porcini.

Barszcz czerwony z uszkami

Non può assolutamente mancare un piatto di Pierogi. È un piatto che assomiglia ai ravioli italiani, cucinato con diversi tipi di ripieni. Durante le festività natalizie si consumano solitamente farcito con funghi e cavolo. Possono essere cucinati sia bolliti che fritti in padella.

piatto tradizionale – Pierogi

Poiché la carne non può essere consumata durante la vigilia di Natale, sulle tavole polacche viene servito principalmente pesce. Uno dei più popolari è Karp – la carpa. Si prepara sia fritto che in gelatina (personalmente non amo questo tipo di pesce).

Invece per quanto riguarda i dolci.. uno dei dolci che deve essere assolutamente mangiato durante la cena di Natale è il Pernik – il pan di zenzero. Il pan di zenzero tradizionale, per avere il suo particolare gusto e profumo, dovrebbe essere preparato qualche settimana prima di Natale. Solitamente ha una forma rettangolare però anche si può prepararlo a forma di biscotto.

piernik – pan di zenzero

Un’altra torta tipica è il Makowiec – la torta ai semi di papavero, preparata con semi di papavero, noci e uvetta.

Makowiec – la torta ai semi di papavero

Durante la vigilia non si consuma alcol, infatti la bevanda servita è il Kompot. Questa bevanda è fatta di frutta secca, principalmente mele, prugne, ma anche pere e albicocche. Per vivacizzare la versione tradizionale, spesso si aggiunge anche una bacchetta di cannella e altre spezie.

Kompot

Albero di Natale

In Polonia non può mancare mai un albero di Natale! E’ una cosa fondamentale in ogni casa. Solitamente si comprano alberi veri, infatti il Natale è associato al profumo di un bosco. Questo è anche il motivo per cui spesso gli alberi sono decorati il 24 dicembre, così si può godere del loro profumo e della loro bellezza per tutto il periodo natalizio, ma anche fino al 6 gennaio. Questa non è una tradizione polacca, tuttavia, è così nelle case da diversi anni.

Albero di Natale

25 e 26 dicembre

Dopo le tradizioni e le celebrazioni della Vigilia di Natale, solitamente trascorsa con i membri più stretti della famiglia, il 25 e il 26 dicembre sono i giorni dedicati alla visita dei parenti e amici con i quali si vuole festeggiare questo periodo magico.

Non ci sono più piatti e tradizioni specifiche da seguire, ma è la magia del Natale, presente in tutti i polacchi e alimentata dalla celebrazione della Vigilia, a guidare i cuori e gli animi nei giorni successivi, fino ai festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno. Ma questa è un’altra storia 😉

Buone feste, Wesołych Świąt!